uomo con megafono davanti ad una vetrina di un negozi con una tenda parasole abbassata.

PUBBLICITA’ RADIO

Condividi su facebook
condividi
Condividi su twitter
condividi
Condividi su whatsapp
condividi

TANTI MOTIVI PER SCEGLIERLA RISPETTO ALLE ALTRE FORME PUBBLICITARIE

Perché continuare ad investire in radio.

Partiamo dal presupposto che ogni campagna pubblicitaria per funzionare deve essere creata da un professionista, da chi lavora nel campo, quindi una figura aggiornata sulle tecniche marketing, sulla concorrenza, sulla zona ove risiede l’attività. Non possiamo pensare che basti mandare in onda uno spot al giorno nella radio che ci piace per ottenere un riscontro. Quindi ci vuole un professionista e la radio si appoggia sempre a dei professionisti, a persone che di mestiere fanno solo quello, non vi lasciano in mano ad un pc ove voi programmate senza sapere nemmeno ciò che state facendo.

Allo stato attuale, la pubblicità radio non dovrebbe venir sostituita da quella sui social, ma la pubblicità social potrebbe essere un’integrazione alla pubblicità radio. Sui social siamo distratti, un annuncio presuppone cliccarlo e leggerlo, non è così immediato, si assimila il marchio, senz’ombra di dubbio ma difficile che si vada ad approfondire, perché siamo tutti un po’ pigri, siamo sul social per fare altro. Lo spot che passa in radio invece è facilmente assimilabile, perché non implica sforzi, basta ascoltare la radio, e lo si può fare anche mentre si eseguono altre operazioni, non ci distoglie da quello che stavamo facendo.

La radio poi gode di credibilità a differenza dei social network, per cui ciò che passa attraverso il mezzo radio è maggiormente credibile perché la radio è un mezzo percepito come serio, veritiero, preciso…. e non è solo una percezione. Il Friuli Venezia Giulia e il Veneto sono le due regioni ove l’ascolto radio è maggiore rispetto a tutte le altre regioni d’Italia.

La radio, inoltre, non è un freddo algoritmo matematico, come potrebbe essere un servizio musicale come Spotify o Youtube, la radio ha una forte componente umana nella scelta delle canzoni, gli speaker diventano come degli amici.

Da anni c’è un incremento degli ascoltatori dai 35 ai 65 anni ed è davvero importante perché questa è la fascia di persone che hanno la maggiore capacità di spesa. Tra i 18 e i 24 anni oltre il 76% dei giovani ascolta la radio e tra i 15 e i 45 anni la radio è il media più seguito con oltre l’ 80%.

E poi creare una campagna pubblicitaria è FACILE, fare una campagna radio è davvero semplice, bastano pochi giorni, una telefonata o una mail e un assistente sarà al tuo servizio senza farti spendere nulla.

Davide Bonini
Davide Bonini

Account executive Friuli Venezia Giulia e Veneto di Klasseuno network

vai al sito

Account executive Klasse uno pubblicità Friuli V.G. – Veneto   

sede Centrale – Castelfranco Veneto (Tv)
sede Friuli Venezia Giulia – Fiumicello Villa Vicentina (Ud)

privacy policy

Creato con ❤ usando Elementor
sito ideato e costruito da Gabriele Ulrich Bonini – c.f. LRCGRL66E14F356T © All rights reserved

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra, anche scorrere la pagina vale come accettazione. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi